Tu sei qui: Home » Organizzazione » Direzione Generale » Ufficio stampa » Archivio comunicati stampa » 2013.04.02 ----- Parte al Galliera l'Ospedale per intensità di cura

2013.04.02 ----- Parte al Galliera l'Ospedale per intensità di cura

DAL 2 APRILE PARTE AL GALLIERA L'OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURA

“PRESA IN CARICO” DEL PAZIENTE SULLA BASE DEI LIVELLI DI COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE TUTOR MEDICO E TEAM INFERMIERISTICO DEDICATO

Genova – Il 2 aprile è stato avviato al Galliera il processo di riorganizzazione che porterà alla realizzazione dell'ospedale per intensità di cura, modello che prevede una più efficace ed efficiente gestione dell'assistenza ospedaliera.

<Prima di partire con la diffusione della nuova organizzazione - spiega Roberto Tramalloni, Direttore Sanitario dell'ospedale Galliera - abbiamo studiato e validato il sistema sul campo, recependo anche le indicazioni contenute nel piano sanitario regionale in cui si fa esplicito riferimento al modello per intensità di cura. L'attivazione sperimentale di tale modello in Ortopedia e Geriatria - continua Tramalloni - ha portato al miglioramento delle performance assistenziali, testimoniate dall'efficacia dei risultati, conseguente alla maggiore efficienza organizzativa. Da qui la decisione di estendere gradualmente a partire dal 2 aprile l'intensità di cura a tutta la struttura sanitaria>.

FOCUS

I LIVELLI ASSISTENZIALI
L'innovativa organizzazione assistenziale prevede la presa in carico del paziente in aree omogenee, che lo ospiteranno in base alla gravità del caso e quindi del livello di complessità assistenziale:

  • Primo livello Alta intensità: degenze intensive e sub intensive (rianimazione, Unità Terapia Intensiva Coronarica - UTIC, Terapia Intensiva Post Operatoria TIPO)
  • Secondo livello, Media intensità: degenze per acuti (area medica e chirurgica)
  • Terzo livello, Bassa intensità: degenze per pazienti post acuti (stabilizzazione e riabilitazione)

FOCUS

PIÙ ATTENZIONE AL BISOGNO COMPLESSIVO
L'intensità di cura permette ai clinici di valutare il paziente nella sua complessità creando le condizioni migliori per una corretta contestualizzazione (livello di ricovero) e personalizzazione, in considerazione delle numerose variabili (es. età del paziente, presenza di altre patologie) che possono intervenire o coesistere.

Si tratta di superare l'approccio tradizionale, dove ad essere curata è solo la malattia, per arrivare a “prendersi cura del paziente” nella sua globalità, modello vincente in Liguria dove l'età media dei pazienti è elevata con situazione cliniche complesse, spesso inquadrabili nell'ambito della cosiddetta “fragilità”.

FOCUS

ASSISTENZA PERSONALIZZATA: IL TUTOR MEDICO E IL TEAM INFERMIERISTICO DEDICATO
PUNTI DI RIFERIMENTO COSTANTI PER I PAZIENTI, LE FAMIGLIE E GLI ALTRI OPERATORI SANITARI


Le ulteriori novità sono rappresentate dalle figure del Tutor medico e dal team infermieristico dedicato. Dal momento del ricovero fino alla dimissione il paziente verrà affidato a un unico interlocutore, il Tutor medico, che lo seguirà in tutto il percorso diagnostico e terapeutico. Nel prendersi cura del paziente, il Tutor medico si potrà avvalere di team multidisciplinari – composti da specialisti – che verranno consultati a seconda delle esigenze di ogni singolo caso.

Anche l'assistenza infermieristica sarà caratterizzata da un team dedicato con precise figure di riferimento per il paziente: un Infermiere di Processo che si occuperà dell'accoglienza in reparto, di rilevare le necessità del malato e del progetto assistenziale personalizzato. Lo stesso collaborerà con l'Infermiere di Settore dedicato all'assistenza diretta sul paziente.

FOCUS

LOGISTICA E TIMING

L'Ospedale per intensità di cura, dopo il predetto periodo di sperimentazione, ha preso l'avvio il 2 aprile con l'Area Medica a cui seguirà l'Area Chirurgica. In questo ambito la nuova organizzazione prevede una rifunzionalizzazione del Pad C (ingresso da Corso Mentana) adibito esclusivamente ad attività ambulatoriali con il contestuale spostamento delle degenze presenti nello stesso (S.C. Geriatria, S.C. Cure intermedie) all'interno del corpo storico dell'ospedale (primo piano Pad. B), dove verranno allocate le degenze. Infatti la contiguità è elemento pregiudiziale alla corretta gestione dei percorsi.

Ospedale per intensità di cura - Area medica

  • Primo livello Alta intensità: Coordinatore Dr. Francesco Nicosia – Direttore S.C. Anestesia e Rianimazione e Blocco Operatorio Centrale;
  • Secondo livello, Media intensità: Coordinatore Dr. Giuliano Lo Pinto – Direttore Dipartimento delle Medicine Generali, Specialistiche e di Pronto Soccorso
  • Terzo livello, Bassa intensità: Coordinatore Dr. Ernesto Palummeri – Direttore Dipartimento di Gerontologia e Scienze Motorie
Azioni sul documento
Scelti per voi
Gli specialisti del Galliera su Genova Superba. Questa settimana, focus su "Anziani ed attività fisica" ed i "campanelli di allarme dell’ictus".

Salute 10 e lode

Gli specialisti del Galliera su Genova Superba. Questa settimana, focus su "Anziani ed attività fisica" ed i "campanelli di allarme dell’ictus".
Approvate le linee guida 2018-2020

Piano Strategico

Approvate le linee guida 2018-2020
I medici del Galliera ospiti di Telenord sul canale tematico regionale dedicato alla salute.

Specialisti ospiti a "Salute 88"

I medici del Galliera ospiti di Telenord sul canale tematico regionale dedicato alla salute.
Altro…