Tu sei qui: Home » Organizzazione » Direzione Generale » Ufficio stampa » Newsletter - riservata al personale » Stiamo lavorando per... » Progetto di ricerca S.C. Medicina Nucleare

Progetto di ricerca S.C. Medicina Nucleare

Ruolo terapeutico del 64CUCL2 nel trattamento di bambini affetti da recidiva di glioma ad alto grado o di tumori intrinseci diffusi del ponte.

Responsabile del progetto: Dott. Arnoldo Piccardo

Struttura proponente: S.C. Medicina Nucleare

 

Descrizione del Progetto:

Gli HGG e i DIPG sono le forme più aggressive di tumore cerebrale pediatrico. In Italia ogni anno ne vengono segnalati circa 50 nuovi casi. In questi bambini l’aspettativa di vita a 5 anni è inferiore al 10%. Il trattamento si basa sulla radioterapia, chemioterapia e chirurgia. Tuttavia, in caso di recidiva, non esistono terapie efficaci e l’aspettativa di vita è mediamente di 6 mesi. Il paziente viene quindi avviato ad una terapia palliativa in grado di controllare solo la sintomatologia.

Il 64Cu è un isotopo del Rame (Cu) che emette radiazioni ionizzanti potenzialmente tossiche per le neoplasie. Studi clinici hanno dimostrato l’elevata avidità per il Cu da parte delle cellule di Glioma ad Alto grado. Studi preclinici in questo campo hanno riportato che il 64CuCl2 ha importanti potenzialità terapeutiche.

Scopo del progetto è testare l’efficacia terapeutica del 64CuCl2 nella recidiva di queste neoplasie pediatriche. Le ricadute terapeutiche sarebbero il prolungamento dell’aspettativa e il miglioramento della qualità di vita del bambino. Importanti implicazioni psicologiche positive per i familiari sarebbero inoltre da considerare.

Il progetto sarà così strutturato in:

- arruolamento: selezione di 10 bambini, di età compresa tra 5 e i 18 anni, affetti da recidiva di HGG/DIPG;

- protocollo: inizialmente i pazienti riceveranno 5 somministrazioni del farmaco a distanza di una settimana;

in seguito, riceveranno altre 3 somministrazioni a distanza di un mese;

- follow-up: monitoraggio tramite visite specialistiche per analizzare gli effetti terapeutici del 64CuCl2 sul bambino.

Durante il protocollo e il follow-up i pazienti eseguiranno visite specialistiche e valutazioni diagnostiche con risonanze magnetiche (RM) e PET/CT (Positron Emission Tomography – Computed Tomography).

 

Obiettivo del progetto:

Lo scopo del progetto è testare l’efficacia di un nuovo trattamento terapeutico in bambini affetti da recidiva di Glioma Cerebrale ad Alto grado (HGG) e Tumori Intrinseci Diffusi del Ponte (DIPG), ambito clinico in cui non sono previsti trattamenti terapeutici. L’utilizzo del 64CuCl2 difficilmente rappresenterà una cura definitiva, ma potrebbe contribuire ad un miglioramento e ad un prolungamento rispettivamente della qualità e aspettativa di vita del bambino. In questa fase preliminare verrebbe testata solo l’efficacia attraverso visite ambulatoriali e controlli diagnostici successivi (RMN cerebrali). L’eventuale efficacia del trattamento (e.g. rallentamento della comparsa dei sintomi e/o riduzione della sintomatologia) avrebbe importanti ricadute sulla qualità di vita del bambino e dei genitori. Implicazioni psicologiche importanti sarebbero presenti in tutta la famiglia con ripercussioni socio-economiche rilevanti in termini di capacità lavorativa, ore di lavoro perse e, più in generale, partecipazione alla vita della comunità.

Azioni sul documento