Regolamento

REGOLAMENTO

della

BIBLIOTECA MEDICA "MARIO SEGALE"

(ai sensi della Legge Regionale n.61 del 20/12/1978)

Cenni storici

La Biblioteca medica "Mario Segale" fu fondata nel 1908 dal Prof. Mario Segale insieme alla rivista "Pathologica".

Nell'anno 1925 divenne proprietà dell'Opera Pia De Ferrari Brignole Sale (oggi: Ente Ospedaliero Ospedali Galliera), con sede in Mura delle Cappuccine n. 14 - Genova.

E' una biblioteca di tipo specializzato in scienze bio-mediche ed è anche la sede della rivista "Pathologica", la cui pubblicazione continua tutt'oggi.

Nel 1994 è stato istituito il centro dati ed informazioni bibliografiche mediche. Detto centro, dotato di mezzi informatici multimediali, è tuttavia da considerarsi in evoluzione ed espansione, avuto riguardo alla necessità, nei limiti delle possibilità finanziarie dell'Ente e delle biblioteca, di adeguamento alle moderne tecnologie nell'ambito della ricerca e conservazione dei dati bibliografici e della comunicazione telematica multimediale.

Titolo I

Disposizioni generali

Art. 1

La biblioteca medica "Mario Segale" (di seguito più brevemente indicata come "biblioteca") ed il centro informatico multimediale per ricerca e conservazione dati e informazioni bibliografiche nel campo della biologia umana e della medicina (di seguito più brevemente indicato come "centro dati") costituiscono un servizio culturale specializzato in scienze bio-mediche per tutti gli aventi diritto e si propone di:

  • fornire gli strumenti dell'informazione con criteri moderni al fine di stimolare la ricerca scientifica e la creatività nell'ambito delle scienze bio-mediche e della relativa didattica;
  • contribuire alla realizzazione del diritto all'aggiornamento professionale del personale dipendente;
  • diventare un centro vivo e attivo di cultura specialistica in ambito bio-medico.

Art. 2

L'Amministrazione dell'Ente Ospedaliero Ospedali Galliera stanzia nel bilancio annuale la somma necessaria al funzionamento della biblioteca medica "Mario Segale" e del centro dati bibliografici medici.

Titolo II

La biblioteca medica "Mario Segale" costituisce l'archivio storico documentale per quel che concerne testi, riviste e pubblicazioni dell'ambito bio-medico.

Art. 5

Il centro informatico multimediale, per ricerche dati e informazioni bibliografiche bio-mediche, si propone di attuare le più moderne strategie nell'ambito delle ricerche specifiche, anche nel settore dell'urgenza e dell'emergenza.

Art. 6

La biblioteca ed il centro dati saranno tra loro collegati, per via telematica multimediale, al fine di garantire all'utenza la massima possibilità di successo nelle ricerche scientifiche con criteri di completezza.

Art. 7

Il centro informatico multimediale potrà essere autorizzato dalla Amministrazione dell'Ente Ospedaliero Ospedali Galliera a stabilire collegamenti con altri centri dati o biblioteche e viceversa nell'ambito della collaborazione prevista dalla Legge della Regione Liguria n. 61 del 20/12/1978 (art. 11) e successivamente meglio regolamentato dalla deliberazione del Consiglio Regionale della Regione Liguria n. 126 del 9.12.1992.

Art. 8

Tutto il materiale, le informazioni ed i dati forniti dalla biblioteca medica e dal centro dati sono coperti e regolamentati dalle normative nazionali ed internazionali riguardanti il copyright, a tutela dei diritti dei produttori.

Titolo III

Ordinamento interno e del personale

Art. 8

A - Biblioteca medica "Mario Segale": Il materiale pervenuto in biblioteca per acquisto, dono, scambio viene preso in carico e debitamente catalogato e registrato. Ogni unità bibliografica deve riportare:

  • il numero progressivo d'ingresso sull'ultima pagina del testo prima dell'indice; per i periodici e per le opere che si stampano a dispensa il numero di ingresso va assegnato al primo fascicolo di ogni annata. Tale numero va ripetuto sulle schede principali dei cataloghi;

  • il bollo della biblioteca sul verso del frontespizio e sulla pagina 47;

  • la collocazione sul verso del frontespizio e sui cartellini applicati sul dorso e all'interno del piatto anteriore:

Per altro materiale d'informazione numero d'ingresso, bollo e collocazione vanno apposti nel modo ritenuto più idoneo.
B - centro dati e informazioni bibliografiche bio-mediche: Il materiale pervenuto al centro dati per acquisto, dono, scambio viene preso in carico dal magazzino economato e debitamente catalogato e registrato. I supporti magnetici ed ottici debbono essere conservati in locali e spazi idonei.

Art. 9

Il materiale librario deve essere collocato prevalentemente a scaffali aperti, secondo il Sistema di Classificazione in uso presso la biblioteca. Devono essere a disposizione dell'utente almeno un catalogo alfabetico per autori e un catalogo alfabetico per soggetti a schede di formato internazionale. Per il materiale non librario devono essere costituiti cataloghi speciali.

Art. 10

La biblioteca deve possedere:

a) un registro per i volumi dati a rilegare;
b) per il servizio consultazione e prestito: uno schedario o registro cronologico di iscrizione dei lettori, uno schedario o registro alfabetico degli iscritti al prestito, uno schedario alfabetico per autore delle opere date a prestito e uno scadenziario dei prestiti. Sono iscritti di diritto al servizio di lettura e di prestito i dipendenti dell'E. O. Ospedali Galliera. La biblioteca è aperta agli utenti esterni. Gli utenti esterni all'E. O. Ospedali Galliera sono iscritti gratuitamente, nel rispetto di quanto previsto dalle normative vigenti di igiene e profilassi e oraganizzative del servizio nosocomiale che regolamentano gli accessi del pubblico in ambito ospedaliero, trovandosi la biblioteca allocata all'interno del presidio ospedaliero. (Cfr. Art. 12). Per l'utenza esterna verrà utilizzato uno schedario o registro alfabetico apposito. In detto schedario o registro vengono riportati gli estremi di un valido documento di riconoscimento dell'utente interessato. Ad ogni utente verrà consegnato apposito tesserino per l'ingresso in ospedale al di fuori degli orari previsti per l'accesso del pubblico.
c) per il servizio prestito: il materiale librario e non del fondo antico e del fondo speciale non può essere concesso in prestito, ma può essere solo consultato ed eventualmente riprografato, in parte e per motivi di studio, come previsto dalle norme internazionali previste per il copyright, presso la sede della biblioteca "Mario Segale" in presenza del personale addetto. Del materiale concesso in prestito, deve essere tenuta registrazione in un apposito schedario alfabetico per autore ed in un apposito scadenziario dei prestiti speciali. La durata del prestito è consentita per un periodo non superiore a giorni venti. Dopo la restituzione, il materiale concesso in prestito deve permanere almeno un giorno in biblioteca a favore di eventuali altri utenti interessati. In caso di mancata restituzione, dopo i solleciti di rito da parte del personale addetto, il nominativo dell'utente inadempiente verrà segnalato alla competenti autorità regionali.

Art. 11

Il servizio bibliotecario presso la biblioteca medica "Mario Segale" e il centro dati ed informazioni bibliografiche mediche è assicurato da personale dipendente dall'Ente Ospedaliero Ospedali Galliera che, come tale, è sottoposto alle norme stabilite dal Regolamento organico del personale vigente presso detto Ente.

Titolo III

Orario di servizio e regolamentazione del funzionamento

Art. 12

a) Biblioteca medica: su appuntamento nelle giornate di Martedì dalle 14.30 alle 17.00 e Giovedì dalle 9.30 alle 13.00.
b) Document Delivery di dati ed informazioni bibliografiche mediche: dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi dalle ore 9,00 alle ore 13,30 e dalle ore 14.30 alle ore 17,00 (via mail all'indirizzo: biblioteca@galliera.it)
c) Per l'utenza esterna della biblioteca medica e per il DD di dati e informazioni bibliografiche mediche stesso indirizzo mail e orario del  punto b).

E' prevista la possibilità dell'accesso, non presidiato, ai dati bibliografici bio-medici anche in orario notturno, in giornate festive ed al sabato, da parte di utenza interna ed esterna, attraverso mezzi informatici multimediali.

Azioni sul documento