Chirurgia della tiroide

Centro della Tiroide

Indicazioni ad un intervento chirurgico sulla tiroide

Le indicazioni ad un intervento sulla tiroide sono:

  • Tumori (benigni e maligni).
  • Struma (gozzo) in accrescimento o che determini disturbi dovuti alla compressione degli organi vicini: senso di soffocamento o di ingombro alla base del collo, difficoltà a respirare soprattutto nella posizione sdraiata, difficoltà a deglutire, abbassamento del tono di voce.
  • Ipertiroidismo, cioè l'eccessiva produzione di ormoni tiroideì, quando non può essere curato efficacemente con la terapia medica.

In che cosa consiste l' intervento?

Gli interventi sulla tiroide si chiamano tiroidectomie, vengono effettuati in anestesia generale e consistono nell'asportazione completa (tiroidectomia totale) o parziale (loboistmectomia) della tiroide stessa.
La tiroide è in stretto rapporto con i nervi laringei che regolano il funzionamento delle corde vocali.
Inoltre, sulla sua superficie sono disposte le paratiroidi, che ricevono il sangue dagli stessi vasi che nutrono la tiroide.
Per queste caratteristiche anatomiche gli interventi sulla tiroide talvolta possono portare alle seguenti conseguenze:

  • Ipocalcemia da alterato funzionamento delle paratiroidi.
    Le paratiroidi sono delle minuscole ghiandoleendocrine poste a stretto contatto con la tiroide,il cui compito è regolare i livelli di calcio nel sangue (calcemia). In seguito all'asportazione di tutta la tiroide (tiroidectomia totale) nel 10-20% dei pazienti si verifica una temporanea inattività delle paratiroidi, che normalmente regredisce spontaneamente. Altre volte è necessario assumere una terapia con calcio e derivati della vitamina D. Rara è la perdita definitiva dellafunzione.
  • Disfonia.
    E’ dovuta ad alterata funzione dei nervi laringei che comandano il movimento delle corde vocali. I nervi laringei (superiore ed inferiore, destro e sinistro) si trovano in stretto contatto con la tiroide e come tutti i nervi sono estremamente sensibili a piccoli traumi, stiramenti e infiammazioni che sono una normale conseguenza degli interventi chirurgici.
    In seguito agli interventi di tiroidectomia parziale o totale circa il 3-5% dei pazienti riferisce calo del tono della voce che diventa anche più rauca. La gran parte di questi pazienti guarisce nel corso di alcune settimane, e solo una minoranza dovrà seguire una riabilitazione che consentirà di riacquistare una normale vita di relazione.
  • Sanguinamento post-operatorio.
    Nell’1-2% dei casi si può registrare un sanguinamento post-operatorio in relazione alla particolare rete vascolare della ghiandola. Tale evenienza viene controllata da una immediata revisione della ferita chirurgica

Quali possono essere le conseguenze di un intervento sulla tiroide?

La degenza è di pochi giorni. Già il giorno successivo all'intervento non è necessaria alcuna terapia e il dolore postoperatorio è modesto e generalmente ben tollerato. La cicatrice è poco visibile. Una eventuale terapia con ormoni tiroidei, se necessaria, viene iniziata nei giorni successivi. Circa una settimana dopo la dimissione vengono rimossi i punti e la ferita può restare scoperta. La regione anteriore della base del collo, sede dell'intervento, rimane
leggermente gonfia per alcune settimane per poi ritornare normale senza bisogno di alcuna cura.
Dopo l'intervento di tiroidectomia totale è necessaria l'assunzione di ormoni tiroidei per tutta la vita, mentre, per gli interventi di tiroidectomia parziale l'indicazione alla terapia ormonale dovrà essere valutata dal medico endocrinologo di volta in volta. Gli ormoni tiroidei vanno assunti la mattina a  digiuno 30 minuti prima di fare colazione.

Come per tutta la chirurgia, l’incidenza e la gravità delle complicanze sono minori in centri dedicati a chirurgie specialistiche.


tiroide-sezione

Azioni sul documento