Tu sei qui: Home » Notizie » Modalità di accesso all'Ospedale dal 10 ottobre

Modalità di accesso all'Ospedale dal 10 ottobre

Accessi dedicati ad utenti, accompagnatori e visitatori


Si comunica che a far data dal 10 ottobre, sino a nuova comunicazione, cambiano le modalità di accesso all'Ente.

 

Accessi dedicati ad utenti, accompagnatori e visitatori:

 

ENTRATA / USCITA

Padiglione B - Via Volta,8

Padiglione B8 "S. Filippo" - Via Volta, 6 (ad eccezione del Pronto soccorso a cui si accede dal  Padiglione A – Mura del Prato, 6)

 

 

Planimetria 03/2022

Ubicazioni ambulatori, degenze, servizi e uffici dell'Ente

 

 

Accesso visitatori/accompagnatori a reparti di degenza

Accompagnatori di pazienti in Pronto soccorso

Accesso visitatori o accompagnatori a reparti di Terapia Intensiva

Accompagnatori di donne in gravidanza/in fase di travaglio

Accesso per esecuzione di visite specialistiche, esami laboratorio e ricoveri programmati

Utenti che accedono a vario titolo

(es. Ritiro referti/documentazione sanitaria, prenotazione prestazioni/ricoveri, accesso all’Ufficio Relazioni con il Pubblico - URP)

 

Il possesso della Certificazione Verde non sostituisce in alcuna forma il rispetto delle misure di prevenzione e contrasto della diffusione del contagio.

 

CHI NON DEVE MOSTRARE IL GREEN PASS

  • Utenti che accedono per visite mediche, prelievi
  • Utenti che accedono ad attività di sportello: CUP, Ufficio Cartelle cliniche, URP
  • Personale dipendente/convenzionato in possesso di certificazione medica di esonero dalla campagna vaccinale per COVID-19

 

CHI DEVE MOSTRARE IL GREEN PASS

  • Personale dipendente
  • Accompagnatori di utenti
  • Visitatori (informatori farmaceutici, soggetti invitati a riunioni)
  • Medici, frequentatori di corsi di formazione, studenti tirocinanti
  • Dipendenti delle imprese che hanno in appalto servizi o lavori
  • Personale dipendente delle imprese di manutenzione
  • Personale addetto alla manutenzione e al rifornimento dei distributori automatici di generi di consumo
  • Personale chiamato occasionalmente per attività straordinarie, nonché consulenti e collaboratori

 

Accesso visitatori /accompagnatori a reparti di degenza

 

Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso e la verifica del Green Pass saranno a carico della struttura accettante il visitatore; non sarà necessario acquisire il foglio di valutazione anamnestica e misurare la temperatura in questa sede né in entrata presso l’Ente.

  • L’ingresso è autorizzato solamente a visitatori o familiari in possesso di certificazione verde Green Pass "TIPOLOGIA VERIFICA BASE” (tampone) oppure in possesso di documentazione comprovante le condizioni che ne consentono l'accesso (certificato vaccinale valido; certificato di tampone antigenico o molecolare valido; l'autodichiarazione non è sufficiente).
  • I visitatori saranno di norma ammessi se di età superiore ai 12 anni

 

Qualora il visitatore segnali difficoltà di qualsiasi natura nel reperire il proprio Green Pass su supporto digitale, dovrà presentare (unicamente agli incaricati preposti all’accettazione dei visitatori in reparto), la documentazione comprovante la condizione equivalente ad esso, ovvero:

  • Referto/esito negativo del tampone antigenico rapido effettuato nelle ultime 48 ore o esito negativo del tampone molecolare effettuato nelle ultime 72 ore
  • Certificato vaccinale anti-Sars-Cov2:
    • certificazione ultima dose, valida dopo 14 gg dalla somministrazione;
    • dose singola a seguito o in precedenza di avvenuta guarigione da SARS-CoV-2
  • Certificazione di guarigione avvenuta non oltre 6 mesi

 

Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

Per ogni paziente sarà ammesso un unico visitatore al giorno, per un periodo di 45 minuti e negli orari previsti e decisi dalla singola Struttura, contattabile tramite i numeri telefonici disponibili sulle Carte dei Servizi.

Visite di durata maggiore saranno possibili in casi particolari, esplicitamente autorizzati dal Direttore della struttura. Es: minori, gravi disabili psichici, fisici o cognitivi non autosufficienti ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, pazienti con gravi difficoltà alla deambulazione e donne in stato di gravidanza.

Il Direttore della singola struttura provvederà a stabilire la cadenza e gli orari di visita, possibilmente differenziati e/o scaglionati, per non creare eccessivo affollamento nei locali.

In caso di sovraffollamenti o emergenze, il Direttore della Struttura può limitare ulteriormente le visite.

La visita deve comunque prevedere che il familiare o visitatore, durante il transito nel nucleo di degenza, rispetti il protocollo in uso dalla Struttura per questa specifica fattispecie utilizzando i dispositivi di protezione individuale previsti e seguendo le misure igienico sanitarie opportune (in primis disinfezione mani).

Gestione particolare dei caregiver di persone assolutamente non autosufficienti, tutori di pazienti con particolari condizioni cliniche, minori, accompagnatori di pazienti ostetriche in assistenza durante il ricovero: per le situazioni che prevedano la presenza continuativa in assistenza/accompagnamento di genitore/tutore/caregiver a favore di pazienti aventi diritto (minori, disabili, persone assolutamente non autosufficienti) sarà necessaria l'effettuazione a carico dell'Ente Ospedaliero di tamponi ogni 48 ore (test antigenico).

 

Accompagnatori di pazienti in Pronto soccorso

 

Il Direttore della Struttura può ritenere necessario limitare o interdire l’accesso dei visitatori/accompagnatori in PS per situazioni di affollamento eccessivo.

Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso sarà eseguito a carico della struttura accettante il visitatore.

Gli accompagnatori devono essere in possesso della Certificazione Verde (Green Pass) tipologia verifica “BASE” o, in alternativa:

  • Referto/esito negativo del tampone antigenico rapido effettuato nelle ultime 48 ore o esito negativo del tampone molecolare effettuato nelle ultime 72 ore
  • Certificato vaccinale anti-Sars-Cov2
    • certificazione ultima dose, valida dopo 14 gg dalla somministrazione;
    • dose singola a seguito o in precedenza di avvenuta guarigione da SARS-CoV-2)
  • Certificazione di guarigione avvenuta da non oltre 6 mesi.

Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

E’ sempre consentito l'accesso di:

  • un accompagnatore del paziente in possesso del certificato di handicap con connotazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5/2/992, n. 104)
  • un accompagnatore di paziente minore
  • un accompagnatore di donna in gravidanza anche nella fase di travaglio e post-partum secondo quanto definito nello specifico paragrafo (Accompagnatori di donne in gravidanza/in fase di travaglio)
  • gli accompagnatori dei pazienti con definite condizioni cliniche e socioassistenziali di particolare impegno (es. grande anziano non autosufficiente, presenza di barriere linguistiche, etc.).

Gli accompagnatori delle categorie sopracitate possono accedere al Pronto Soccorso con le medesime modalità previste per il paziente e devono essere in possesso della Certificazione Verde (Green Pass).
Se non sono in possesso della Certificazione Verde (Green Pass) dovranno essere sottoposti al tampone antigenico al momento della prestazione sanitaria del paziente che accompagnano (all’interno della sala visita).
Non è più necessario il distanziamento dei pazienti presenti e verranno quindi ripristinati i locali adibiti a sala di attesa.

 

Accesso visitatori o accompagnatori a reparti di Terapia Intensiva

 

Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso sarà eseguito a carico della struttura accettante il visitatore.

Il Direttore della Struttura può ritenere necessario limitare o interdire l’accesso dei visitatori/accompagnatori per situazioni particolari o di affollamento eccessivo.

Gli accompagnatori devono essere in possesso della Certificazione Verde (Green Pass) tipologia verifica “RAFFORZATO”.

Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID-correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

E’ sempre consentito l'accesso di:

  • un accompagnatore del paziente in possesso del certificato di handicap con connotazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5/2/992, n. 104)
  • un accompagnatore di paziente minore
  • gli accompagnatori dei pazienti con definite condizioni cliniche e socio assistenziali di particolare impegno (es. grande anziano non autosufficiente, presenza di barriere linguistiche, etc.).

 

Accesso per esecuzione di visite specialistiche ed esami di laboratorio e ricoveri programmati

 

PAZIENTI:

I pazienti che necessitano di prestazioni sanitarie ambulatoriali o di ricovero devono essere muniti di impegnative di ricovero o di prescrizione visite/esami; non è necessario che siano in possesso della Certificazione Verde.

Per la prenotazione di visite/esami, il ritiro di referti o copia della documentazione sanitaria e per accedere all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) non è necessario che il paziente sia in possesso della Certificazione Verde (Green Pass), tipologia verifica “BASE”.

Per i donatori di sangue non è prevista la presentazione della Certificazione Verde (Green Pass).

ACCOMPAGNATORI:

Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso sarà eseguito a carico della struttura accettante il visitatore.

Gli accompagnatori devono essere in possesso della Certificazione Verde Green Pass, modalita verifica “BASE” o, in alternativa:

  • Referto/esito negativo del tampone antigenico rapido effettuato nelle ultime 48 ore o esito negativo del tampone molecolare effettuato nelle ultime 72 ore
  • Certificato vaccinale anti-Sars-Cov2
    • certificazione ultima dose, valida dopo 14 gg dalla somministrazione;
    • dose singola a seguito o in precedenza di avvenuta guarigione da SARS-CoV-2
  • Certificazione di guarigione avvenuta da non oltre 6 mesi.

Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

 

Accompagnatori di donne in gravidanza/in fase di travaglio


ACCOMPAGNATORI DI DONNE IN GRAVIDANZA o IN FASE DI TRAVAGLIO CHE NECESSITANO DI PRESTAZIONI AMBULATORIALI

Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso sarà eseguito a carico della struttura accettante il visitatore.

Gli accompagnatori devono essere in possesso della Certificazione Verde Green Pass, modalità verifica “BASE” o, in alternativa:

  • Referto/esito negativo del tampone antigenico rapido effettuato nelle ultime 48 ore o esito negativo del tampone molecolare effettuato nelle ultime 72 ore
  • Certificato vaccinale anti-Sars-Cov2:
    • certificazione ultima dose, valida dopo 14 gg dalla somministrazione;
    • dose singola a seguito o in precedenza di avvenuta guarigione da SARS-CoV-2
  • Certificazione di guarigione avvenuta non oltre 6 mesi Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

 

Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID-correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva

E’ sempre consentito l'accesso di:

  • un accompagnatore del paziente in possesso del certificato di handicap con connotazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5/2/992, n. 104)
  • un accompagnatore di paziente minore
  • gli accompagnatori dei pazienti con definite condizioni cliniche e socio assistenziali di particolare impegno (es. grande anziano non autosufficiente, presenza di barriere linguistiche, etc.).

 

    ACCOMPAGNATORI DI DONNE IN GRAVIDANZA o IN FASE DI TRAVAGLIO CHE NECESSITANO DI PRESTAZIONI URGENTI, DONNE IN FASE DI TRAVAGLIO E DURANTE IL PARTO

    Il controllo delle condizioni necessarie all’ingresso sarà eseguito a carico della struttura accettante il visitatore.

    E' consentito l’accesso di un caregiver sia nel corso del travaglio che dell’immediato post partum. Sulla base della curva dei contagi si dispone che i visitatori/caregiver possano accedere al reparto esclusivamente muniti di Tampone Molecolare/Antigenico negativo effettuato entro le 48 h presso Ente certificato.

      Il visitatore non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva. Quanto sopra fatte salve motivate disposizioni da parte del Direttore della Struttura.

      E’ sempre consentito l'accesso di:

      • un accompagnatore del paziente in possesso del certificato di handicap con connotazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3 comma 3, della legge 5/2/992, n. 104)
      • un accompagnatore di paziente minore
      • gli accompagnatori dei pazienti con definite condizioni cliniche e socio assistenziali di particolare impegno (es. grande anziano non autosufficiente, presenza di barriere linguistiche, etc.).


        VISITATORI DI PUERPERE IN DEGENZA

        Si richiedono gli stessi requisiti per l'accesso ai reparti di degenza.

         

         

          Utenti che accedono a vario titolo

           

          Per ritiro referti di prestazioni sanitarie (compresa copia della documentazione sanitaria) o per prenotare prestazioni o ricoveri: sia che  il ritiro o prenotazione sia effettuato dalla stessa persona che ha eseguito o che deve eseguire la prestazione sia che ritiro del referto o della prenotazione sia effettuato da un delegato non è richiesta la Certificazione Verde (Green Pass).

          È prevista inoltre la presentazione della Certificazione Verde Green Pass, tipologia verifica “BASE” per:

          • partecipanti a concorsi pubblici - insegnanti per attività didattica in ospedale
          • informatori medico scientifici - volontari – fornitori
          • partecipanti a corsi di formazione non dipendenti

          La certificazione andrà verificata dai responsabili degli uffici o strutture direttamente interessate, o loro delegati, come previsto da normativa e/o regolamentazione interna specifica. L’utente non dovrà presentare sintomatologia COVID correlata e non dovrà rientrare in quei casi nei quali siano previste forme di quarantena preventiva.

          Azioni sul documento
          Notizie
          Di seguito sono indicate le chiusure di attività o le variazioni di orario autorizzate per il periodo di fine anno 2022 inizio 2023.

          Chiusure e variazioni di orario festività natalizie

          Di seguito sono indicate le chiusure di attività o le variazioni di orario autorizzate per il periodo di fine anno 2022 inizio 2023.
          14 Dicembre 2022.
          Al XXI Congresso Nazionale SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) è stato premiato uno studio multidisciplinare del Galliera.

          Riconoscimenti

          Al XXI Congresso Nazionale SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) è stato premiato uno studio multidisciplinare del Galliera.
          6 dicembre 2022.
          Iniziativa del Lions ClubGenova Aeroporto "Sextum" per il progetto del Galliera.

          Panettoni contro la violenza

          Iniziativa del Lions ClubGenova Aeroporto "Sextum" per il progetto del Galliera.
          In occasione delle festività natalizie, le associazioni AIL e ALT hanno organizzato alcune iniziative a scopo benefico presso le portinerie del Galliera.

          Appuntamenti con la solidarietà

          In occasione delle festività natalizie, le associazioni AIL e ALT hanno organizzato alcune iniziative a scopo benefico presso le portinerie del Galliera.
          Francesco Quaglia e' il nuovo Direttore Generale.

          Nominato il nuovo Direttore Generale dell'Ospedale Galliera

          Francesco Quaglia e' il nuovo Direttore Generale.
          Venerdì 2 dicembre - integrazione

          Sciopero generale

          Venerdì 2 dicembre - integrazione
          L'Ospedale informa...